stranitalia
 
  Home arrow Articoli in Italiano arrow Strano ma vero (Strange but true)
 

Other recent articles
Is Fiumicino Airport at Risk? Inappropriate building materials may have been used.
Italians feel vulnerable to encroaching poverty.
Wettest summer in 35 years
Donor insemination to come to Italy
Sites reopened at Pompeii
Sari's e-book on sale this weekend at Amazon
Alitalia’s fate hangs in the balance.
Berlusconi cannot leave Italy (for now)
Keep an eye on (or rather, in) your bill fold.

 

Strano ma vero (Strange but true) PDF Print E-mail
Apr 01, 2012 at 10:35 AM
Image Eccoci qua nel pieno del 2012 e ci sono ancora delle anomalie in Italia che rendano la vita più difficile di quanto non dovrebbe essere. Soprattutto in un paese che guadagana moltissimo dal turismo, da dove provengono praticamente degli introiti stra-garantiti, perché per quanto gli italiani possano essere scettici nei confronti della loro patria, gli stranieri, che vengono in visita e non ci devono viverci in pianta stabile, l'adorano in modo forse anche smisurato.

Di che cosa parlo? Immaginiamo che uno dei milioni di turisti stranieri che ogni anno mettono piede sul suolo italiano decide, quando è già in Italia, di fare un viaggio in treno e siccome ha portato con se il computer vuole comprare il biglietto online. Beh, succede che è costretto invece ad andare alla stazione, o ad una agenzia di viaggio, e pagare il biglietto con contanti perché incredibilmente Trenitalia NON ACCETTA le carte di credito non italiani . Possibile? Si, è così. E mi è successo proprio l'altro giorno quando Anna K., una mia amica canadese, che aveva difficoltà a navigare il sito di Trenitalia (il quale inspiegabilmente continuava a trasformarsi dalla versione italiana in quella inglese) ha chiesto un aiuto a comprare il biglietto dal web.

Non è stato possibile e mentre stavo cervellandomi davanti al computer mi sono ricordata che non era la prima volta che ciò era successo e che altre volte, negli anni precedenti, ho dovuto io comprare il biglietto con la mia carta italiana e poi farmi rimborsare dall'amico o l'amica di turno. Questa volta, però, non potevo aiutare perché ero appena tornata da New York dove avevo perrso tutte le carte e quelle nuove non mi erano ancora arrivate.

Allora decido di chiamare il call center di Trenitalia, 892021, che funziona abbastanza bene, sperando di poter fare tutto per telefono. Ma niente da fare. Mi hanno confermato che non potevano accettare la carta di credito canadese dell'amica e hanno suggerito un'altra soluzione: fare la prenotazione e con il PNR andare in una ricevitoria SISAL e comprare il biglietto con contanti.

Quindi tutto è bene ciò che finisce bene. Ma non ha nessun senso. La globalizzazione procede a rotta di collo e Trenitalia non si è messo ancora in grado di affrontare gli aquisti da parte di stranieri già arrivati in Italia? Vai a capire. Strano ma vero.

<Previous   Next>

google



Related items


1

liverome

 

 

 
 
   
   
 
 
5   4
 
petar.org